INFORMAZIONI


Scheda

Nazione: Italy
Regione: Umbria
Provincia: Perugia (PG)
Comune: Assisi
Localita' o frazione:  Via Madonna dell’olivo
Nome bene: Chiesa della Madonna dell’olivo

Cenni storici

Chiesa della Madonna dell’olivo – Assisi (PG)

Sul luogo del miracolo, in un oliveto fuori della Porta Nuova, scendendo a destra della strada che conduce a Foligno, sorse una piccola chiesa che prese il nome di «Madonna dell’Oliva». Oliva sta qui evidentemente a significare l’albero. E’ da pensare che la chiesa venisse costruita subito dopo l’avvenimento, mentre durava l’impressione suscitata dal prodigio. L’affresco che tuttora si scorge sull’altare, più volte, ed anche di recente, rimaneggiato grossolanamente, risale probabilmente, nella sua prima stesura, al sec. XV. Vi appare l’albero dell’olivo; la Madonna che parla al bambino; il padre che avanza minaccioso, tendendo un falcetto dal lungo manico, di quelli che servono a tagliare le siepi. Grandissima doveva essere la devozione verso questo luogo, se nella Guida di Assisi del Salvi del 1618, la prima che si conosca, ne consiglia la visita ai pellegrini che vengono a visitare la città serafica: « Usciamo per la Porta nuova e, salutata la Croce, camminiamo un poco, scendiamo a destra. Eccoci arrivati alla Madonna dell’Oliva, Chiesetta molto devota per una Immagine della B. Vergine, che ha fatto alcune grazie, e vi è una Compagnia d’alcuni Giovani, che vi celebrano la Festa il giorno della Visitazione ». Anche il canonico Pompeo Bini, pubblicando nel 1721 la sua opera « Verità scoperta ne’ tre Santuari della Città di Assisi », vi allegò una pianta della città e dintorni, nella quale ricorda la chiesa e la indica con una minuscola raffigurazione. Su per giù di questa stessa epoca è una stampa che si conserva nell’Archivio di San Rufino, in cui ritornano la Vergine, il bambino, il padre armato del falcetto, l’albero d’olivo, con la dicitura : «Miracolosa Immagine di Maria Santissima dell’Uliva».

LINK UTILI



GALLERY


Photo Gallery A.D. 2019


DOVE SI TROVA


Simple Map

Condividi su Facebook