Archivio foto 2016
Per uscire dalla Gallery, premere "Esc"

Scheda

Nazione: Italy
Regione: Umbria
Provincia: Perugia (PG)
Localita' o frazione: Monte Serrasanta
Nome bene: Eremo di Serrasanta
Comune: Gualdo Tadino

Cenni storici

Eremo di Serrasanta – Gualdo Tadino (PG)

Sulla vetta del Monte Serrasanta, a quota 1348 metri, è situato l'antico Eremo. Il complesso è costituito da una chiesina medievale dedicata alla SS. Trinità, con un porticato-rifugio sempre aperto sul lato a mezzogiorno, e che sovrasta un anfratto sotterraneo, suggestivo luogo di raccoglimento e di preghiera.

Questo risulta già santificato dalla presenza di eremiti ed anacoreti che, attraverso i secoli, hanno popolato le aspre pendici del Serrasanta, fra i quali San Facondino, San Gioventino, San Rinaldo, San Romualdo, San Pier Damiani, San Giovanni da Lodi e San Francesco. All'interno della piccola chiesa si conserva la copia di una pala d'altare, in ceramica di scuola robbiana, realizzata nel 1927 dal ceramista locale Giuseppe Pericoli. Questa venne realizzata in sostituzione della maiolica originale (1528 ca.) trasferita nella monumentale chiesa di S. Francesco a seguito del furto di alcune delle sue parti. Sul retro della chiesa vi è un'ampia struttura ricettiva, gestita dalla Confraternita della SS. Trinità che offre, nel periodo estivo, un accogliente posto di ristoro per devoti, turisti e visitatori. Dal piazzale della chiesa, dominato da una grande croce metallica, è possibile ammirare suggestivi panorami sulla città, sulla vallata gualdese, e sull'Appennino fino ai Monti Sibillini o sulla vallata fabrianese. In particolari condizioni atmosferiche si possono scorgere in lontananza il Mare Adriatico o il lago Trasimeno.

Bibliografia:
Gualdo Tadino e dintorni: guida turistica, testi di Daniele Amoni ... [et al.]; coordinamento editoriale: Daniele Amoni; immagini: Daniele Amoni, Franco Chiucchi Città di Castello: Petruzzi, 2012.

Alla sommità del Monte Serrasanta, lungo la strada panoramica che porta all'eremo, nei pressi di due staccionate ed una croce, sono posti due cartelli informativi, uno a destra ed uno a sinistra della Croce, dove si indica con freccia, che le acque piovane, alla sinistra, vanno a sfociare nel Mar Tirreno, e quello di destra, nel Mare Adriatico.