INFORMAZIONI


Scheda

Nazione: Italy
Regione: Marche
Provincia: Ascoli Piceno (AP)
Comune: Ascoli Piceno
Localita' o frazione: Piagge
Nome bene: Monastero di San Lorenzo

Cenni storici

Monastero di San Lorenzo - Ascoli Piceno (AP)

Monastero di San Lorenzo - A cura di: Scittarelli Pierluigi - 5A_TIEN - A.S. 2013-2014

Fu edificato, nel 750, dall'Ordine Benedettino, sotto il vescovo ascolano Auclere, sull'area di una modesta pianura che sovrasta la bassa valle del Tronto e il bosco di Carpineto. Sebastiano Andreantonelli lo ricorda come il secondo monastero appartenuto all'ordine degli Eremiti Benedettini e sottoposto all'autorità vescovile della chiesa ascolana, tranne nei periodi in cui i papi Niccolò III, Bonifacio VIII e Onorio IV (nel 1286) lo tennero direttamente soggetto alla Santa Sede. Sebbene le consistenze dell'edificio si articolassero su più livelli, fu abbandonato, nel XIII secolo, quando i suoi spazi divennero esigui per i molti monaci che, in quel periodo, si dettero a vita religiosa. Della struttura rimangono: la macina ricavata dai monaci modellando un masso di travertino, una vasca ottenuta scavando un blocco di pietra, la cisterna dell'acqua e solo tracce intuibili delle mura perimetrali. Qui, al convento di San Lorenzo, venne San Francesco nel 1215, e qui, vestirono il saio francescano il Beato Corrado Migliani, c’è vicino la grotta dove viveva, e Girolamo Masci di Lisciano che poi diventò papa col nome di Nicolò IV. Qui, sempre nel convento di San Lorenzo, Saladino Saladini, reduce dalle crociate, nel 1213, visse in una grotta per ventotto anni fino alla morte. Sempre da questo convento, acceso di sacro fuoco francescano, frate Ippolito scese in Ascoli per la costruzione  del  tempio di San Francesco, quel miracolo di architettura, di travertino argenteo, che illumina Piazza del Popolo, questo bellissimo tempio che t’incanta e sa parlare la lingua di San Francesco, a bene ascoltarla. Nel 1994, con la rimozione dell’humus e dei detriti, si è potuta riconoscere l’area della chiesa, edificata tra il 1257 e il 1265, e della quale sono adesso leggibili la porta d’ingresso e il fianco sinistro, al quale è addossato un lungo sedile in muratura approntato per le funzioni religiose dei monaci. Accanto alla cisterna è stata inoltre individuata una splendida vasca di decantazione nel cui materiale di riempimento sono stati rinvenuti interessanti frammenti di ceramica medievale.


LINK UTILI



GALLERY


Photo Gallery A.D. 2018


DOVE SI TROVA


Condividi su Facebook