INFORMAZIONI


Scheda

Nazione: Italy
Regione: Marche
Provincia: Ascoli Piceno (AP)
Comune: Comunanza
Localita' o frazione: Centro storico
Nome bene: Chiesa di Sant'Anna

Cenni storici

Chiesa di Sant'Anna - Comunanza (AP)

Il letterato Antonio Caferri promuove nel 1672 la costruzione della chiesa e del convento per farne dimora dei Frati Minori Conventuali. Nonostante il convento ormai completo già nell'ultimo quarto del secolo XVII, i frati non ne prendono possesso per l'esigua rendita della chiesa, inadeguata ai bisogni della loro comunità. Nel 1969 la chiesa viene sottoposta ad un importante lavoro di restauro. Durante i lavori vengono eseguite radicali trasformazioni dell'interno: gli altari laterali vengono rimossi e le opere custodite confluiscono nel museo diocesano. La chiesa di Sant'Anna riprende la tradizione francescana proponendo davanti all'ingresso un portico sorretto da arcate a tutto sesto. Il portico è composto di cinque campate con archi provvisti di ghiere in mattoni. Sul lato destro il loggiato prosegue per la lunghezza della chiesa collegando il sagrato all'ingresso del convento. Il portico è stato rinforzato con struttura in cemento durante i restauri del 1969. La chiesa ha il suo ingresso al centro del portico, con portale in arenaria. Ai lati del portale due finestrelle con mostra della medesima pietra danno luce all'interno. Una finestra in asse col portale risulta aperta sopra l'imposta del tetto che copre il portico. A sinistra della facciata il campanile a vela ad una fornice alloggia una campana. L'interno è formato da un'unica navata. La chiesa è stata spogliata delle opere pregevoli che erano conservate negli altari laterali, rimossi con il restauro del 1969. Delle opere che adornavano le pareti resta solo il dossale in stucco modellato alla base del quale è l'altare maggiore. L'aula è illuminata da quattro finestre centinate con ampia strombatura e nelle pareti laterali restano le arcate cieche dove insistevano gli altari laterali. Sulla parete di fondo, di fianco all'altare si aprono due porte che conducono alla sacrestia. La chiesa si erge su solide pareti portanti in mattoni pieni legati con calce. Durante i lavori di restauro del 1969 è stato rinforzato il portico con maglia strutturale in cemento. L'aula è coperta da tetto in legno a vista, con due capriate che sostengono la trama di travi in legno sulle quali appoggiano le terzere.


LINK UTILI



GALLERY


Photo Gallery A.D. 2014


DOVE SI TROVA


Condividi su Facebook