INFORMAZIONI


Scheda

Nazione: Italy
Regione: Marche
Provincia: Macerata (MC)
Comune: Serravalle di Chienti
Localita' o frazione: Percanestro
Nome bene: Chiesa di Santa Croce di Percanestro

Cenni storici

Chiesa di Santa Croce di Percanestro - Serravalle di Chienti (MC)

Resti del castello di Percanestro, uno dei tanti i cui ruderi disseminano ancora oggi il territorio di Serravalle; apparteneva insieme al castello della Rocchetta, a quello di Elce e a numerosi altri castelli delle Marche e dell'Umbria, alla potente famiglia dei Baschi. Il comune guelfo di Camerino, per fronteggiare l'invadenza di quello di Foligno, tra il 1264 e il 1265 offrì protezione e difesa alle comunità montane di confine; di conseguenza gli abitanti della Rocchetta, comprendente i villaggi di Cesi, Costa, Corgneto, Acqua Pagana, S. Martino e Civitella; e quelli della comunità di Percanestro, comprendente i villaggi di Colle Lepre, Col Pasquale, Voltellina, Collecurti, S. Croce, Attiloni, Forcella ed Elce fecero atto di dedizione al comune di Camerino. Segno di questa soggezione fu l'impegno di pagare ogni anno 26 soldi per famiglia; inoltre gli abitanti della Rocchetta avrebbero offerto un palio di seta in occasione della festa di S. Venanzo o di quella dell'Assunta, una libbra di cera quelli della comunità di Percanestro e Elce, così queste terre furono incluse nel distretto del comune di Camerino. Esse sì reggevano con un proprio statuto applicato da un podestà camerinese, che provvedeva anche all'amministrazione della giustizia in prima istanza. Dall'autorità del comune le comunità passarono poi sotto la signoria dei Varano. Della grande rocca di Percanestro restano tracce ben visibili delle mura perimetrali e una torre smozzicata, singolare per la sua pianta a pentagono irregolare. Secondo alcuni storici la chiesa primitiva fu costruita dai monaci benedettini con un impianto diverso per forma ed orientamento rispetto all’edificio attuale. Un documento del 1000 attesta che la chiesa era sotto la giurisdizione di Plestia. La chiesa di Santa Croce fu eretta nel X secolo lungo la direttrice ovest - est sul margine orientale della strada che collega Collecurti a Forcella, nell’area sud ovest dell’altopiano di Colfiorito prossima al confine con Visso, denominata Percanestro, e venne ampliata alla fine del XVIII secolo con la costruzione dell’abside poligonale e del campanile. L’edificio si presenta interamente realizzato in pietra e libero su tutti i lati. Il prospetto principale ovest, a capanna, è caratterizzato al centro da una porzione di muro a scarpa - realizzato per motivi statici alla fine del XIX secolo con relativa chiusura dell’antico ingresso principale - che si interrompe a mezza altezza e che è sovrastato da una finestra rettangolare posta lungo l’asse centrale di simmetria; alla destra del muro a scarpa si apre il semplice portone d’ingresso rettangolare con architrave monolitico. Il prospetto laterale nord è segnato in alto al centro da una finestra rettangolare con architrave in legno e termina a sinistra col campanile a base quadrata in pietra e cella campanaria in laterizio a quattro fornici a tutto sesto, coperta con alta cuspide piramidale. Il prospetto posteriore est è caratterizzato dal volume poligonale dell’abside, realizzato nel 1920, cui si affianca sulla destra la torre campanaria. Il prospetto laterale sud, in simmetria con il fronte opposto, è caratterizzato al centro da una finestra rettangolare con architrave in legno e termina a destra con la superficie curva dell’abside che è preceduta da un’alta finestra rettangolare che illumina la sagrestia. Sono altresì leggibili su questo fronte una porta ed una finestrina murate.


LINK UTILI



GALLERY


Photo Gallery A.D. 2019 - Foto proprietà della Diocesi di Camerino


DOVE SI TROVA


Simple Map

Condividi su Facebook