INFORMAZIONI


Scheda

Nazione: Italy
Regione: Marche
Provincia: Macerata (MC)
Comune: Visso
Localita' o frazione: Fematre
Nome bene: Eremo (Romitoria) delle Centelle

Cenni storici

Eremo (Romitoria) delle Centelle – Visso (MC)

La chiesetta, dedicata alla Madonna del Casale, e comunemente chiamata “ Il Romitorio” sorge in un versante del monte Cimamonte a sud del paese di Fematre. Si hanno poche notizie certe dalla fabbrica eretta in seguito ad una scampata pestilenza nel paese di Castel Vecchio, insediamento rurale sull’altro versante della Valnerina, in segno di devozione alla Madonna del Casale e che dovrebbe risalire alla seconda metà del 1600 così come testimoniata da un concio di pietra con incisa la data 1666. Nel corso dei secoli la piccola chiesa, con limitrofo romitorio denominato “delle Centelle” sembra non avere subito alcun rimaneggiamento ad eccezione fatta per il rifacimento di una porzione di copertura avvenuta nel 1990. Il breve itinerario inizia dall’abitato di Fematre (mt.928 s.l.m.) per la via a sinistra della chiesa al centro del paese, che attraverso i campi si dirige verso il Fosso di Valle Scura; lo si attraversa tra grandi querce e s’imbocca l’ampia carrareccia che percorre tutto il versante orientale del Cimamonte, procedendo quasi in piano. Si giunge ad un’edicola (mt. 841 s.l.m.), proseguendo oltre il tracciato si fa ripido scendendo fino all’eremo (mt. 744 s.l.m. 1 ora). La Romitoria delle Centellé è situata tra i fitti boschi cerro che ammantano il versante destro della Valnerina, nel tratto compreso fra i Molini di Visso. L’ambiente ospita alcune specie importanti di mammiferi fra cui il gatto selvatico, l’istrice e il capriolo. Si ritorna al punto di partenza seguendo lo stesso itinerario (1,30 ora).

La Chiesa di modeste dimensioni si presenta su pianta rettangolare ad unica navata con sacrestia e portico antistante l’ingresso principale. L’intera struttura muraria assai semplice nella sua organizzazione spaziale è costituita da pareti murarie di notevole spessore formate da conci lapidei di origine calcarea legati con malta di pessima qualità su cui è impostata la copertura costituita da una struttura portante in legno ed impalcato in laterizio. Tutta la struttura muraria risulta intonacata con intonaco a malta di calce, graniglia e sabbia di colorazione rosata. La struttura lignea del tetto della chiesa è costituita da due capriate semplici con manaco centrale, sormontate da terzere e correnti; il sottomanto è costituito da tavelline in laterizio ed il manto da coppi di vecchia fattura non in buono stato di conservazione ad eccezione della porzione di tetto che copre la sacrestia recentemente rifatta. Come anticipato sopra la struttura portante è costituita da muratura di pietra intonacata, lo spessore delle murature risulta variabile da 60 cm a 75 cm; gli elementi lapidei sono legati con malta di calce e sabbia. Dimensionalmente l’aula ha una lunghezza interna di circa 7 metri per circa 4.30 metri di larghezza; complessivamente compresa la sacrestia ed il portico esterno la lunghezza perimetrale esterna in pianta è di circa 17.00 mentre l’altezza libera interna del pavimento all’intradosso del colmo del tetto è di 4,90 metri l’altezza libera sotto alla catena della capriata è di circa 3,70 metri. Internamente l’aula si presenta decorata a tempera con disegni di tipo geometrici e floreali. Si segnala la presenza di un affresco sito sull’altare raffigurante la Madonna S. Antonio e S. Giovanni Battista. Al di sopra della parete di separazione fra sacrestia ed aula è impostata la piccola vela campanaria anch’essa in pietrame intonacato. All’interno della chiesa è presente un dipinto murale all’interno della nicchia sovrastante l’altare, di autore ignoto, databile epoca XVI, raffigurante la Madonna, S. Antonio, S. Giovanni Battista che presenta diverse fessurazioni e lesioni di tipo diffuse; sono inoltre contenuti nella chiesa alcuni “ex voto” di fedeli devoti.

La devozione popolare racconta che la Madonna faceva le grazie e quando stava male qualcuno si chiamavano 7 ragazze, le pagavano e si andava a pregare per l’ammalato.

La chiesa di S.Maria è questa qui vicino, ci facevamo la festa il 15 di Agosto. Facevamo gli archi con il bosso. Alla Madonna delle Scentelle, a Casale, ci si andava perché dicevano che faceva le grazie. Quando stava male qualcuno si chiamavano 7 ragazze, le pagavano e si andava a pregare per l'ammalato. La zona si chiama Scentelle e poi si dice la Madonna del Casale perché si trova in mezzo al bosco, dentro c'è raffigurata una Madonna con il bambino in braccio. Lì ci si andava tutte le domeniche, cominciando da dopo Pasqua e si faceva la processione per sette domeniche, Arrivava anche una processione da Croce. Vicino alla chiesa c'era una bella casa e ci viveva il romito, accanto alla casa c'era un pozzo dove il romito ci prendeva l'acqua per i suoi servizi. Vicino alla chiesa c'è un pezzo di terra che veniva chiamato "i campacci".

Cartellonistica sul posto


LINK UTILI



GALLERY


Photo Gallery A.D. 2015 - Foto di proprietà della Diocesi di Camerino


DOVE SI TROVA


Simple Map

Condividi su Facebook